World Press Photo Exhibition 2018 Gavoi

World Press Photo Exhibition 2018: Gavoi. I risultati.

/
Jannas

Il successo della prima edizione in Sardegna

A porte chiuse, con le pareti ormai vuote e le luci spente, tiriamo le somme della prima edizione di World Press Photo Exhibition 2018, allestita nel nostro piccolo centro – Gavoi (Nu) – nell’altrettanto piccola Barbagia, dal 27 ottobre al 18 novembre scorso.

Per la prima volta è stata portata in Sardegna la più autorevole mostra di foto-giornalismo al mondo, grazie alla prestigiosa partnership con la Fondazione World Press Photo. Nei 23 giorni di apertura dell’esposizione itinerante, che include le 143 fotografie premiate dal concorso 2018, il numero dei visitatori ha sfiorato i 4000 ingressi. Parliamo di un risultato che per noi è stato un successo oltre ogni previsione e che pone ora solide basi per sigillare un rapporto stabile con la Fondazione World Press Photo e ripetere l’iniziativa in Sardegna per gli anni a venire.

La mostra

Accolta nella splendida struttura comunale dell’Ex-Caserma, l’esposizione è stata apprezzatissima dal pubblico e ha portato in Barbagia visitatori da tutta la Sardegna e da oltremare. Tra le stanze e i livelli della struttura, affacciata su un panorama mozzafiato da un lato, e protetta dalle antiche case di granito dall’altro, si è compiuto un viaggio che ha toccato i continenti, ha permesso di scoprire tante storie, ha commosso.

Il successo non era così scontato: abbiamo infatti voluto volare alto e affrontare una grande sfida, offrire a residenti e visitatori un’esperienza di alto livello culturale, in un piccolo centro della Barbagia, in un periodo dell’anno solitamente poco significativo in termini di flussi turistici, rispetto alle presenze che il periodo estivo avrebbe potuto garantire. E la sfida, possiamo dirlo, è stata vinta: il grande pubblico, in particolare durante il fine settimana, ha permesso alle strutture ricettive e commerciali di lavorare a pieno ritmo e registrare il tutto esaurito.

Le scuole

Ma c’è un altro aspetto che ci rende orgogliose del lavoro: tra le presenze, centinaia sono stati i ragazzi degli istituti scolastici di istruzione superiore arrivati da tutta la regione e che hanno usufruito del servizio di visita guidata alla mostra. Il percorso fotografico mette in luce la complessità del mondo odierno e richiede l’urgenza alla comprensione e alla conoscenza di questa società. Per questo motivo per noi di Jannas, i fruitori privilegiati della mostra dovevano essere in particolare i giovani e l’istituzione scolastica, costantemente richiamata a svolgere il ruolo di formatore e contribuire al processo di comprensione sulle tematiche e le sfide che il ventunesimo secolo ci pone.

Obiettivo raggiunto!

Con la mostra World Press Photo, possiamo affermare di essere riuscite a raggiungere l’obiettivo di portare in Barbagia un grande attrattore culturale che favorisse l’arricchimento dell’offerta turistica locale e allo stesso tempo valorizzasse un territorio contraddistinto da un forte senso identitario, ma con uno sguardo curioso e aperto verso l’esterno.

É stato un lavoro di squadra, lungo e complesso, che ci ha impegnate per mesi. Non è stato facile ma ci siamo riuscite. Non possiamo che condividere il risultato ottenuto con i nostri collaboratori e i nostri partner che hanno reso possibile l’iniziativa: il Comune di Gavoi, che per primo ha creduto e sostenuto il progetto, la Fondazione di Sardegna, la Camera di Commercio di Nuoro e il Consorzio BIM Taloro.

Photo credits: Enrico Lai

 

 

 

Share:

Iscriviti alla newsletter

Stai in contatto!


L'Autore

JANNAS Società Cooperativa a R.L. Via Cagliari n. 150 08020 GAVOI (NU) CF / P.Iva 01522010915

Ti potrebbe interessare