WORLD PRESS PHOTO EXHIBITION 2018

61ma edizione World Press Photo Exhibition
Mostra di foto – ­giornalismo

Per la prima volta arriva in Sardegna la mostra World Press Photo dedicata ai vincitori del più prestigioso concorso di fotogiornalismo al mondo, organizzato dal 1955 dall’omonima fondazione olandese – istituzione che promuove e tutela la libertà di informazione, di inchiesta e di espressione come diritti inalienabili.

L’esposizione fotografica, organizzata da Jannas, partner della Fondazione World Press Photo, avrà residenza a Gavoi (Nu) presso gli spazi comunali dell’Ex-Caserma dal 27 Ottobre al 18 Novembre e tra i primi partner locali a sostenere l’iniziativa si annovera già il Comune di Gavoi.

La mostra, arrivata alla sua 61ma edizione, illustra le storie e gli avvenimenti più significativi del 2017, e premia il miglior fotogiornalismo – che ha il compito di riportare una notizia con accuratezza – insieme al valore estetico e tecnico dell’immagine. Sono immagini simboliche del nostro tempo che documentano spesso le tragedie e la sofferenza di popoli ai confini del mondo, storie di sopraffazione ma anche di speranza e rinascita.

Lo scorso Febbraio una giuria di esperti, dopo aver visionato oltre 73.044 fotografie di 4580 fotografi, ha annunciato i candidati del premio principale, il World Press Photo of the Year – oltre ai finalisti di ognuna delle otto categorie in concorso: Contemporary Issues, Daily Life, General News, Long-Term Projects, Nature, People, Sports e Sport News.

I finalisti sono 42 foto-reporter, documentaristi e giornalisti provenienti da 22 Paesi: Australia, Bangladesh, Belgio, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Francia, Gran Bretagna, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Russia, Serbia, Sud Africa, Spagna, Stati Uniti, Svezia e Venezuela.

A contendersi il premio World Press Photo of the Year sono immagini significative, di un forte impatto emotivo, dal dramma della battaglia di Mosul – Ivor Prickett, alla strage dei Rohingya in Birmania – Patrick Brown, dall’attentato sul ponte di Westminster a Londra –Toby Melville, alle proteste Venezuela contro le politiche di Nicolas Maduro – Ronaldo Schemidt, per finire con il ritratto emblematico di una giovane ragazza sopravvissuta agli orrori di Boko Haram – Adam Ferguson.

I vincitori

Il 12 Aprile, in occasione del Press Photo Awards Show organizzato da World Photo Foundation e Canon, sono stati annunciati i vincitori. Ad aggiudicarsi il premio più ambito, World Press Photo of the Year 2018 è stato il fotografo Venezuelano Ronaldo Schemidt, dell’agenzia Agence France-Press, con la foto di un giovane ragazzo -Victor Salazar Balza- che prende fuoco durante i violenti scontri con la polizia, ad una manifestazione a Caracas contro il Presidente Nicolas Maduro. Il giovane Salazar, che sopravvive all’incidente riportando ustioni di primo e secondo grado, diventa simbolo della Crisi in Venezuela, nome che Schemidt ha dato all’immagine, e come sostiene la giuria, «L’uomo, ha una maschera sul viso, sembra rappresentare non solo se stesso, che prende fuoco, ma in un certo senso dà l’idea che sia il Venezuela a bruciare», e ancora «C’è un piccolo dettaglio sulla foto che la rende potente. C’è una pistola sul muro, con affianco la parola paz, pace».


Tra gli altri fotoreporter premiati nelle categorie in concorso, qui la galleria, anche cinque italiani: Giulio Di Sturco, secondo premio categoria Contemporary Issues, Luca Locatelli, secondo premio categoria Environment, Francesco Pistilli terzo premio categoria General News, Fausto Podavini, secondo premio nella categoria Long –Term Projects, e Alessio Mamo, secondo premio nella categoria People.


A fine aprile partirà il tour della mostra World Press Photo, che raggiunge ogni anno oltre 4 milioni di visitatori in tutto il mondo, saranno 100 le città coinvolte in un lungo viaggio che farà tappa in 45 Paesi.

In Sardegna la mostra arriverà a Gavoi in Autunno e includerà anche i vincitori dell’8a edizione del World Press Photo Digital Storytelling Contest, un concorso parallelo lanciato nel 2011 che dà spazio ai digital storytellers, ovvero le migliori forme di visual journalism utilizzate in questi ultimi anni grazie alla diffusione delle tecnologie digitali e di internet e che ha cambiato il modo in cui si producono e si consumano le storie.


JANNAS è un’impresa culturale, offre servizi e consulenze per realizzare progetti indirizzati a promuovere e vivacizzare i territori, insieme alla valorizzazione e gestione delle sue risorse. Si rivolge a enti pubblici e aziende private ai quali intende mettere a disposizione il proprio sistema di conoscenze e competenze per elaborare azioni sinergiche dirette a incidere sullo sviluppo locale di territori periferici e con meno opportunità di crescita.

World Press Photo ha il sostegno di the Dutch Postcode Lottery, è sponsorizzata nel mondo da Canon.

Share:

PROGRAMMA

World Press Photo 2018

Mostra di foto – giornalismo

27 ottobre / 18 novembre

 EX-Caserma – Gavoi (NU)

Orari

lunedì – giovedì dalle ore 9,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 20,30

venerdì – domenica dalle 10,00 alle 20,30

 

In Sardegna la mostra arriverà a Gavoi in Autunno e includerà anche i vincitori dell’8a edizione del World Press Photo Digital Storytelling Contest, un concorso parallelo lanciato nel 2011 che dà spazio ai digital storytellers, ovvero le migliori forme di visual journalism utilizzate in questi ultimi anni grazie alla diffusione delle tecnologie digitali e di internet e che ha cambiato il modo in cui si producono e si consumano le storie. Nei 23 giorni di residenza della mostra a Gavoi l’organizzazione prevede una serie di appuntamenti di approfondimento sul ruolo del foto-giornalismo, sul diritto alle informazioni e sulla libertà di stampa, con la partecipazione di esperti e giornalisti. Il programma completo e tutti i dettagli saranno comunicati attraverso questo sito e sui canali social dedicati all’iniziativa.

world press photo 2018 gavoi

DIDATTICA

Le scuole potranno disporre di materiali informativi precedentemente forniti dall’organizzazione utili ad introdurre in classe le tematiche presentate nella mostra in modo da sollecitare l’interesse e la partecipazione degli studenti. Si consiglia la visione della mostra a partire dalle classi terze scuole di primo grado.

VISITE GUIDATE 

Dal lunedì al venerdì, previa prenotazione, sarà possibile usufruire del servizio visite guidate per gruppi di max. 15 persone. Questa visione è fortemente consigliata per l’utenza scolastica (14-18 anni)


PARTNER

Comune di Gavoi

Per informazioni riguardo opportunità di partnership scrivere a info@jannas.eu


BIGLIETTI

Sezione in aggiornamento

 


Dove

DOVE

World Press Photo 2018

EX-Caserma

Via Sant’Antioco 2
Gavoi (NU) – 08020
Sardegna | Italia

Come raggiungerci

Da Cagliari/Oristano: percorrere la E25 (o SS131); proseguire per la SS131 dcn direzione Ottana; prendere l’uscita per Nuoro/Ottana e procedere per SP17 e SS128 in direzione Gavoi.
Da Olbia: percorrere la SS131 dcn direzione Nuoro; prendere l’uscita per Nuoro e procedere per SS389 direzione Mamoiada/Lanusei; proseguire per SP30 in direzione Gavoi.
Da Sassari: percorrere la E25 (o SS131) sino a Birori; prendere l’uscita SS129 direzione Nuoro/ Ottana  e procedere per SP17 e SS128 in direzione Gavoi.

Instagram

@jannas_sardinia

Privacy Preference Center

Statistici

Raccolta di dati statistici sulla navigazione del sito.

Cookies anonimi e non incrociabili con le altre informazioni raccolte su questo sito, vengono utilizzati da Google Analytics.

__utma, _ga, _gid, __distillery,

Stato

Raccolta di dati necessari al corretto funzionamento del sito. Ad esempio:

id di sessione
stato del carrello e-commerce
stato degli utenti (autenticato o meno)
accettazione dei cookie / privacy
etc.

cookie_notice_accepted, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types], gdprprivacy_bar, muxData, PHPSESSID, wordpress_logged_in_, _drip_client_, wordpress_test_cookie, qtrans_front_language, gadwp_wg_default_dimension, gadwp_wg_default_swmetric, wp-settings-time-1, wp-settings-1

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?